Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Assisi parlerà agli occhi e al cuore dei pellegrini

“Io ho fatto la mia parte, Cristo vi insegni a fare la vostra!”. Così si congedava San Francesco dai suoi fraticelli mentre, morente, li salutava, disteso sulla terra della Porziuncola, nella piana di Assisi.

Proprio alla Porziuncola si aprirà, giovedì 27 ottobre, l’incontro tra il Papa, numerosi delegati delle religioni presenti in tutto il mondo e tanti, giovani e meno giovani, che si recheranno ad Assisi come “pellegrini della verità, pellegrini della pace”, a 25 anni dal primo storico incontro voluto da Giovanni Paolo II.

La novità di quest’anno, e che mi porterà a vivere in prima persona questo straordinario evento, è data dalla presenza di un piccolo gruppo di non credenti, espressamente voluto dal Santo Padre per manifestare la volontà di non escludere nessuno dal cammino verso la verità e la pace, ricreando così, anche nella “capitale della pace”, quel “cortile dei gentili” che nell’antica Gerusalemme accoglieva tutti, e che oggi vuole idealmente essere luogo di accoglienza e di dialogo per tutti coloro che si mettono alla ricerca della verità e della pace.

Saranno così presenti ad Assisi  Julia Kristeva, Remo Bodei, Guillermo Hurtado,  Walter Baier, quattro personalità rappresentative dell’Occidente (Europa e America) interessato, più di altre aree geografiche o culturali, dal fenomeno della non credenza.

Le parole e soprattutto la vita di San Francesco, tradotta in immagini da Giotto e da altri grandi dell’arte che hanno fatto di Assisi un vero gioiello, parleranno certamente agli occhi e al cuore dei pellegrini, invogliandoli a non fermarsi mai sulle strade della verità e della pace.

 

 

 

  • Federico V |

    Il silenzio di San Francesco e una cosa l’ostinato silenzio della chiesa organizzata nel portare avanti i suoi barocchi protocolli è un’altro; quello è ricco di spiritualità questo è ricco di avvilente stupidità.

  • Gabriella |

    per chi cerca Dio, o almeno la verità…Verità, forse è utile e possibile, ma quanti cercano Dio veramente? bisogna essere onesti con se stessi ed umili; forse sono un po’ pessimista, comunque auguri,

  • monica |

    sono andata ad Assisi diverse volte e …devo dire che ogni volta porto via con me da quel posto qualcosa di nuovo….è come se mi sentissi un po’ diversa …forse piu’ serena.
    è un posto a cui sono molto legata e credo che si respiri” un’aria completamente diversa”…: dalla nostra in citta’!!
    è un luogo carico di spiritualità e semplicità …e la basilica di Assisi è per me una delle piu’ belle (o la piu’ bella) basiliche d’Italia.
    Ci parli Eminenza di Assisi e San Francesco….ne abbiamo tanto bisogno!
    la saluto cordialmente e attendo con impazienza i suoi prossimi interventi …spero molto frequenti.
    monica z.

  • Elena Tosato |

    Sono rimasta molto colpita da quanto ha detto in questa occasione sua Santità Benedetto XVI. La condanna della miscredenza come causa di ogni abbrutimento che l’umanità ha dovuto subire è un colpo di maglio alle ragioni di quanti, tra i miscredenti, ritenevano questo cortile dei gentili un’occasione di confronto alla pari. È bene che capiscano, invece, che è compito e desiderio della gerarchia considerarli subordinati, mutili, al massimo sponde compiacenti che si prestano a giocare questo ruolo per ingenuità o vanità. Mi chiedo come continuerà il lavoro del suo cortile, monsignore. Potrebbe prevedere un percorso riabilitativo con tanto di abiura finale, obbligatorio ma in realtà volontario perché indice di rispetto! Non sarebbe un meraviglioso atto d’amore nei loro confronti?

  • pepi katona |

    Mi chiedo che senso abbia il nostro colloquio con chi non crede nelle divinità.
    Il Santo Padre ha detto che lʼassenza di Dio è causa di violenza.
    Ha detto che la negazione del divino corrompe lʼuomo, lo priva di misure, gli fa perdere lʼumanità.
    Il Papa ha soggiunto che lʼuso della violenza in nome della religione sarebbe soltanto un utilizzo abusivo della fede cristiana.
    Come pensa di poter continuare un dialogo con chi non crede che esistano le divinità?

  Post Precedente
Post Successivo